Vi proponiamo la classifica di quelli che secondo Storia Continua sono i tre migliori progetti di scrittura creativa online lanciati nel 2012, che meritano di essere supportati e sponsorizzati anche per l’anno a venire.

L’ordine non è di preferenza (su questo non siamo riusciti a deciderci) ma si riferisce più o meno al momento in cui ne siamo venuti a conoscenza:

  1. La satira partecipativa di Jack Spirofsky
     
    pulsante-verde-brillante-con-un-pollice-alzato E’ circa il 2010 quando nasce Idee per Scrittori, blog attraverso il quale Danilo Zanelli dispensa i suoi consigli agli autori dalla vena creativa alquanto esaurita.
    “Questa peculiarità lo ha reso fin da subito un terreno fertile per la nascita di progetti folli come Jack Spirofsky” ci ha raccontato in una recente intervista.

    La satira si è intrecciata con la metanarrativa perché ha offerto lo spunto per una riflessione sui meccanismi del racconto. Ed è accaduto anche su @IdeeXscrittori, il mio account Twitter, disseminato di piccole trame, soprattutto sul misterioso Jack, una figura squisitamente metaletteraria che con il tempo ha acquisito una sua specifica fisionomia. Jack, per intenderci, è un personaggio per mestiere. Uno che esiste solo all’interno dei libri.
    Twitter ha donato a Jack una dimensione che potrei definire “cooperativa” o “partecipativa”, grazie al contributo dei miei follower. I lettori, ispirandosi allo stile dei miei tweet, hanno capito e reinventato le regole del gioco, cominciando a mandarmi trame e spunti, ha trovato una moltitudine di autori, e molti di loro si sono rivelati umoristi di grande talento.

    Non è un’esagerazione, sono veramente in tantissimi i Twitteri che ogni giorno scrivono nuove trame per Jack. Ogni settimana Idee per scrittori ripubblica le migliori in un post, contenuti che probabilmente creeranno le basi di un progetto ancora più grande.

  2. TheIncipit, l’inizio di un nuovo finale
     
    pulsante-verde-brillante-con-un-pollice-alzato Anche questa piattaforma è stata aperta più di un anno fa, ma il tempo e i contributi della Rete l’hanno profondamente modificata e migliorata. All’inizio era un sito pensato affinché gli utenti si dilettassero a riscrivere dei classici della narrativa, fiabe per lo più. Solo dopo molto lavoro è divenuto a pieno titolo il primo progetto italiano di scrittura interattiva.

    Le storie di THe iNCIPIT sono divise in 10 episodi. Ogni episodio viene scritto dall’autore in base alle preferenze dei lettori, costruendo così una storia originale dal finale inaspettato.
    Una domanda conclude ogni episodio: come proseguirà la storia?

    Gli utenti votano una delle tre possibilità e partecipano così insieme agli altri lettori e agli autori stessi al seguito della storia. Sarà la maggioranza dei voti a guidare, infatti, la mano dell’autore. Il numero di lettori, voti e commenti di una storia determina il suo punteggio e la sua posizione nella classifica. Maggiore è il numero, maggiore è la visibilità e la promozione che THe iNCIPIT le garantirà.

    I promotori, le menti di TheIncipit, Marco Paccagnella e Manuel Colombo in primis, sono stati i più richiesti ed ospitati agli eventi letterari svoltisi quest’anno e potete scommettere che, grazie dall’interazione con il loro pubblico, daranno vita a nuove evoluzioni. Insomma, loro sono davvero una delle nostre eccellenze. Hanno dimostrato che la tecnologia non è poi così distante della materia umanistica.

  3. In-booki, ebook immersivi
     
    pulsante-verde-brillante-con-un-pollice-alzato E per rimanere in tema di innovazione ed eccellenza, ecco qualcuno che ha pensato che l’interattività non fosse solo una caratteristica del Web, che con un po’ di sforzo in più e la giusta tecnologia, anche i libri stessi possono adattarsi al contesto di chi li legge.

    Inbooki mette a disposizione degli autori tutti gli strumenti utili per scrivere degli ebook immersivi, interattivi e collaborativi.
    Consente agli autori di predisporre varianti al procedere del testo basati su diverse funzionalità e dati: la localizzazione dell’utente,
    il meteo, i dati anagrafici del lettore o sue caratteristiche peculiari.
    Offre applicazioni per dispositivi mobili che consentono di leggere tali opere, effettuando di volta in volta delle scelte concrete su come procedere nelle storie.
    Permette agli autori di collaborare tra loro nella scrittura, ad esempio, un in-book può essere scritto da due autori che trattino rispettivamente il punto di vista maschile e femminile o, ciascuno, le avventure di uno dei due protagonisti della storia.

    Lo staff di Inbooki mette a disposizione le proprie competenze tecniche per lo sviluppo di una tecnologia che consenta di creare un vero e proprio nuovo genere letterario.
    Gli autori hanno la piena libertà di sperimentare e quanto prima arriveranno le collaborazioni anche con le case editrici (quelle interessate a sperimentare).

Allora cosa ne pensate della nostra classifica?
Avete anche voi dei siti letterari preferiti o dei progetti creativi a cui avete partecipato quest’anno? Scrivetelo tra i commenti.

I migliori progetti creativi del 2012 ultima modifica: 2012-12-24T08:00:39+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!