Se vi dedicate alla scrittura già da un po’ avrete sicuramente familiarità con la tecnica del Fiocco di Neve, un metodo di scrittura ideato da Randy Ingermanson per avere la prima bozza di un romanzo pronta in breve tempo, partendo da una singola frase e poi aggiungendo via via tutti i successivi paragrafi dedicati alle singole scene. Si tratta in sostanza di imbastire l’impalcatura della storia, e per aiutarvi in questo compito ho tradotto dall’inglese un documento Excel in cui la tecnica viene spiegata in modo dettagliato in ogni suo passaggio. A differenza di altri schemi utili per iniziare a scrivere un libro, che vi ho proposto in passato, questo del Fiocco di Neve mi piace perché consente di… mettere le mani in pasta. Se seguite le istruzioni del modello passo passo lo vedrete proprio crescere il romanzo davanti ai vostri occhi.

Potrete creare una copia del foglio di lavoro per salvarla sul vostro account Google Drive, modificare i testi sulla base delle traccie già inserite, riempire gli spazi vuoti. Unico caveat, se siete di quelli che intanto scrivono e poi stanno a vedere dove i personaggi conducono lo trama, forse il Fiocco di Neve non fa per voi, visto che questa tecnica implica che sappiate già, più meno, come finisce la storia. Cionondimeno, vi consiglio di scaricare il modello Excel perché contiene delle lezioni, tre in particolare, secondo me fondamentali per chiunque è alle prese con la scrittura di un romanzo. Le approfondirò meglio in seguito nel post, adesso vediamo come mettere in pratica la tecnica del Fiocco di Neve.

Scrivere un romanzo in 10 passaggi

La buona narrativa non succede e basta, va progettata, sostiene Ingermanson. Si può fare il lavoro di progettazione prima o dopo aver scritto il romanzo, ma farlo prima porta al risultato migliore, per lui non c’è dubbio. E siccome la progettazione di un romanzo è un duro lavoro, è importante trovare dei principi guida. Quelli del Fiocco di Neve sono in tutto dieci:

  1. Iniziare con una frase che riassuma la storia, il gancio, quell’immagine unica che venderà il romanzo ai lettori.
  2. Espandere questa frase in un paragrafo completo, che descriva la trama. Non va confuso con la quarta di copertina del libro, questo paragrafo riassume l’intera storia dall’inizio alla fine.
  3. Bisogna ripetere lo stesso passaggio per le trame di ciascuno dei personaggi. E’ possibile che sia necessario rivedere questi paragrafi in una fase successiva, ma è un aspetto positivo, significa che i personaggi si stanno evolvendo lungo la storia.
  4. Per ogni frase del paragrafo di riepilogo (punto 2) va scritto un paragrafo completo in modo da avere una sinossi, adatta a una proposta di pubblicazione.
  5. Scrivere una pagina di descrizione di ogni personaggio principale e una descrizione di mezza pagina per i personaggi secondari.
  6. Si hanno ora hai tutti gli elementi per espandere la sinossi della trama di una pagina (punto 4) in una sinossi di quattro pagine; una pagina intera per ogni paragrafo.
  7. E’ il momento di prendersi del tempo per stilare dei profili dettagliati dei personaggi, descrivete tutto ciò che c’è da sapere su ognuno di loro.
  8. Tornate alla sinossi di quattro pagine per aiutarvi a fare un elenco di tutte le scene di cui avrete bisogno per trasformare la storia in un romanzo.
  9. Prendete ogni scena elencata ed espandetela in una descrizione di più paragrafi.
  10. A questo punto, bisogna sedersi e iniziare a battere la vera prima bozza del romanzo.

Tutto qui, la tecnica del Fiocco di Neve non richiede che facciate altro…

L'essenza della scrittura è riscrivere

Ok probabilmente quando vi troverete davanti al vostro foglio di lavoro, molti dei passaggi vi sembreranno più facili nella teoria che nella pratica, perché anche se riuscirete a compilare tutte le caselle del modello arrivando a scrivere la prima bozza del romanzo, ci saranno ancora tanti spazi vuoti da colmare, ad esempio sulla scelta della voce narrante, del punto di vista e, ancora, dove inserire una descrizione o un dialogo. Ma il punto è che ormai avrete una traccia su cui procedere, che vi aiuterà a non mollare nel momento in cui ci saranno scelte fondamentali da prendere per la buona riuscita del vostro romanzo.

I vantaggi di scrivere con il metodo del Fiocco di Neve

Se scrivere significa soprattutto riscrivere, allora la tecnica del Fiocco di Neve vi offre l’inestimabile vantaggio di superare il timore della pagina bianca. Anche se scrivete una prima bozza veramente orrenda, in un italiano mediocre, ma che contiene i capisaldi della trama, vedrete che il processo di creazione del romanzo sarà molto più veloce rileggendo, tagliando e riscrivendo di quanto lo sarebbe seguendo la linearità della storia dall’inizio alla fine.

E come fare a sapere se state andando nella giusta direzione?

Ecco, secondo me, qual è il secondo vantaggio che vi offre il fiocco di neve: assicurarsi sempre che il racconto proceda in crescendo; sia a livello di personaggi, che devono uscire cambiati dalle vicende che si troveranno ad affrontare, sia a livello di scene (ognuna deve avere un obiettivo, un conflitto da superare e una risoluzione che conduca alla scena successiva fino alla conclusione).
Infine, questa catena di eventi deve svilupparsi intorno a un tema principale. Torniamo così all’inizio del nostro foglio di lavoro in cui bisognerà rispondere proprio alla domanda qual è il nucleo della storia? Di cosa parla davvero?

Le traccie di esempio che troverete nel modello sono tratte da Il Conte di Montecristo, che può essere così riassunto: un uomo è imprigionato per un reato che non ha commesso e anni dopo ritorna per vendicarsi dei suoi nemici. In una sola frase sono racchiusi temi universali, l’ingiustizia, la vendetta, l’odio, la perdita… Emozioni che tutti possiamo aver provato anche se non ci siamo trovati nelle condizioni eccezionali come quelle che coinvolgono il personaggio che stiamo seguendo.

La tecnica del Fiocco di Neve vi invoglia a individuare il significato profondo del vostro romanzo, prima di iniziare a scrivere. E’ un passaggio importante perché se il romanzo è solo una sequenza di eventi senza alcun significato allora non vale la pena di perdere del tempo per scriverlo.

E, vi ricordo, lo scopo di questo metodo è proprio ottimizzare i tempi della scrittura.

La struttura delle scene di un romanzo

A lavoro sulla prima bozza

Secondo le indicazioni di Ingermanson con il Fiocco di Neve dovreste avere pronta la prima bozza del romanzo in poche settimane.
La stesura delle frasi, ai passaggi 1, 2 e 3, richiede un’ora per ciascuna di esse. Mentre ai passaggi incentrati sull’impostazione della trama, dal 4 al 6, andranno dedicate almeno due settimane. Infine, dovrà essere stilato l’elenco delle scene e i relativi paragrafi descrittivi, il che ne richiede altrettante di settimane. Ovviamente, quanto riuscirete ad andare spediti dipenderà molto dal tempo a vostra disposizione e soprattutto da quanto siete allenati alla scrittura. Anche solo mezz’ora può essere messa a frutto se sapete come fare!

Il modello del Fiocco di Neve (da scaricare gratis) per scrivere un romanzo ultima modifica: 2020-06-08T12:01:44+02:00 da Sonia Lombardo
Share This!