Per il ritorno dell’iniziativa Ebook in Adozione, dopo la pausa estiva, ho il grande piacere di ospitare “Atlantis Era”, un vero bestseller fantascientifico – segnalato da Amazon eh, non di quelli che restano in classifica un paio d’ore – scritto da Matteo Marangoni, software developer, imprestato alla narrativa di genere.

“La mia passione sono la scienza e la fantascienza,” mi ha spiegato all’inizio, “sono cresciuto guardando Star Trek, immaginandomi il mondo di Asimov e appassionandomi alla fantasia di Dick, cose che mi hanno portato in modo quasi obbligato a scrivere questa space opera”, omettendo di segnalarmi la sgargiante bandierina arancione che appare sulla pagina di vendita del suo libro. E’ piuttosto raro, considerando che l’ebook è stato pubblicato tramite StreetLib e non direttamente su Kindle, così gliel’ho detto bello chiaro: non puoi esimerti dallo spiegare ai lettori di Storia Continua come si fa a posizionare il proprio libro in cima alle classifiche di Amazon.

Pagina di vendita Amazon dell'ebook Atlantis Era

“La prima cosa che ho fatto è quella che mi è venuta più naturale: parlare del proprio libro con tutti quelli che mi conoscono. All’inizio non si è nessuno, le persone non ti conoscono, non sanno né chi sei né come scrivi, perciò sono partito da chi già mi era vicino, principalmente per conoscere pareri e avere giudizi.

“Quando ho cominciato ad avere feedback positivi ho creato una pagina facebook e ho scritto su alcuni forum proponendo il mio romanzo, anche in questo caso cercando pareri il più oggettivi possibili.
Sono arrivate le prime recensioni su Amazon e questo ha aiutato a spingere le vendite, anche se i numeri erano ancora piuttosto bassi. Il mio problema era che non riuscivo a raggiungere le persone, a permettere al mio romanzo di poter essere letto, così ho cominciato ad investire in promozione su facebook, ed è quello che mi serviva.

“Mi ha aiutato anche il genere, soprattutto in Italia. Vera e propria fantascienza non è facile da trovare, ed è grazie a questo che sono riuscito a mirare ad una fetta ben precisa di utenza, evitando il sovrappopolato fantasy o urban fantasy. La space opera in particolare è un genere che, se escludiamo la nuova serie The Expanse, ha pochi romanzi moderni veramente famosi, parlo di racconti ambientati nello spazio profondo, la cui trama ha una forte dose di dramma e avventura, un genere che ha però trovato la sua casa nel cinema e nella tv.

Atlantis Era – Sinossi
Pionieri. Avventurieri. Esploratori oltre i confini del nostro sistema. Questo sono i viaggiatori della nave-colonia Cariddi, diretta su quello che sarà il dodicesimo pianeta colonizzato dall’uomo, Atlantis. Hanno però sottovalutato l’odio di chi non vuole il dominio della Federazione, e mentre i militari faranno fronte ad un attacco terroristico, Daniel Rhyne, esper con la capacità di leggere la mente, e Katerine Arleth, capitano della Cariddi, scenderanno sul pianeta in quella che sembrava essere una semplice missione di esplorazione, ma che nasconde qualcosa di più pericoloso sotto gli immensi alberi di Atlantis.
“Atlantis Era – Il Contatto” è una space opera di scoperte, combattimenti e scelte che potrebbero cambiare completamente il nostro modo di vedere l’universo.

Estratto

Il fiato le si mozzò veramente solo quando la Dawnlight si inclinò e nel raggio visivo della finestra apparve Atlantis.
A quanto le avevano raccontato, la prima volta che si vedeva un pianeta scattavano automaticamente dei confronti col proprio mondo natio, soprattutto se i due erano completamente diversi tra loro. Per lei invece non c’era alcun metro di paragone, non più. Non importava come fosse stato M’Broni, ora Atlantis sarebbe diventato la sua casa.
Vide le grandi nuvole coprire una parte del mare, vide il terreno farsi spazio tra tutto quell’azzurro con sfumature che oscillavano tra il verde, il grigio e il marrone, ricordando la Terra come se fosse una lontana cugina. Da lì non riusciva a vedere le calotte polari ma sapeva dalle mappe in loro possesso create dai droni che la loro dimensione era molto piccola, un quarto di quelle terrestri, e metà di quelle di M’Broni.
Su Atlantis era una soleggiante mattina di primavera.
Sentì più di qualcuno trattenere il fiato, qualcun altro sussurrare qualcosa, il loro geniere Cabber si era anche lasciato andare ad un’esclamazione piuttosto colorita. Quel momento era loro, potevano esprimersi come meglio volevano, sarebbe poi stato rimontato il tutto per mostrarlo alla nave-colonia, togliendo le parti meno utili o più imbarazzanti.
Kate si voltò e con suo stupore vide che Rhyne era quello più vicino a lei, gli occhi incollati ad Atlantis.
«Quanti pianeti hai visitato nella tua vita?»
Lui non voltò la testa, perso completamente in quello che vedeva. Era ammaliato.
«Con questo sono sette.»

Atlantis Era, il Contatto è disponibile su Amazon, Kobo e Book Republic a 1,99 €.

“Ho mantenuto un prezzo molto basso per il kindle perché la cosa a cui miro non sono i soldi ma i lettori, i loro pensieri e le loro parole, la soddisfazione di vedere che tante persone che non conosco investono il loro tempo nella lettura di un’opera che ho scritto io in più di un anno di lavoro. Immagino che alla fine anche questo modo di pensare mi abbia aiutato, forse più di molto altro.

“Una volta avuta qualche recensione positiva, una volta che le persone mi avevano dato fiducia, la promozione mi ha permesso di aumentare le vendite e di salire nelle graduatorie del genere fantascienza. E’ un cane che si morde la coda, quando si riesce a salire, Amazon stesso propone il tuo scritto come alternativa ad altri libri della stessa categoria, nel mio caso Fantascienza, e questo mi ha permesso al momento di essere il bestseller nelle sottocategorie Avventura, Space opera e Fantascienza Tecnologica, oscillando tra i primi quindici bestseller dell’intera categoria kindle Fantascienza.

“E’ stata una sfida che ho accettato volentieri e che mi ha portato molta soddisfazione, leggere i commenti entusiasti – e costruttivi – dei lettori è una delle cose più che belle che potevano capitarmi. Mi sto creando il mio piccolo spazio nell’enorme mondo dei libri e delle case editrici, e farlo tutto da solo è la cosa più importante”.

“Altantis Era”, una space opera in adozione ultima modifica: 2017-08-24T19:42:34+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!