Il Festival di arte e performance digitale REFF (Roma Europa Fake Factory) è uno spazio di hacking artistico e tecnologico per incentivare il dibattito sui temi dell’innovazione attiva e la gestione delle politiche culturali e tecnologiche relativa a questi ambiti.

L’esperienza, iniziata nel Gennaio 2009, ha dato vita e contenuti all’omonimo libro REFF – La reinvenzione del reale attraverso pratiche critiche di remix, mashup, ricontestualizzazione, reenactment – edito da DeriveApprodi.

Il volume è una sorta di nuovo prototipo di “catalogo d’arte” che raccoglie le opere e i contributi della vasta rete di artisti, intellettuali, docenti universitari, curatori, giornalisti, giuristi, attivisti e partner che in tutto il mondo hanno supportato l’operazione di artivism (il concorso-fake Romaeuropa FakeFactory ) in favore della cultura libera e delle forme non proprietarie del diritto d’autore.

Ma REFF è soprattutto un libro che potrebbe segnare la svolta, oltre che per contenuti, anche nella modalità di fruizione: è pienamente integrato con la dimensione digitale attraverso elementi – Qrcode e Fiducial Marker – che i produttori definiscono di Realtà Aumentata.

Associati alla rete e ai social network globali, questi dispositivi trasformano l’esperienza della lettura in una dimensione interattiva, relazionale, processuale, dalle possibilità completamente inedite.

Il software si deposita sulla carta trasformandola in ipertesto, rendendola cliccabile, espandibile, commentabile e reattiva, aprendo uno spazio di confronto virtualmente illimitato tra autori e lettori sui temi e sul dibattito del libro, per dissolvere il confine che li separa.

Fruibile attraverso web e smartphone, grazie ad un’apposita applicazione, questo nuovo prototipo di libro sviluppa le infinite potenzialità dell’incrocio tra la dimensione cartacea e quella digitale: un publishing ubiquo e cross-mediale, un nuovo modo di scrivere sul mondo”.

Con questo catalogo il libro stampato smette di essere semplicemente un libro di carta e diventa un’invito alla scoperta, “un vero e proprio atto artistico, culturale e politico”.

REFF è il primo tassello di un progetto più ampio che punta al proliferare di esperienze di produzione editoriale analoghe. Molto presto, infatti, la FakePress metterà a disposizione un tool open source per la libera pubblicazione di opere cross-mediali; piattaforma di publishing testata proprio per realizzare il libro del RomaEuropa Fake Factory.

REFF, un libro multistrato ultima modifica: 2010-10-27T18:45:09+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!