Quanto un social network dedicato alle immagini può essere utile a promuovere la parola scritta? In pratica, gli autori dovrebbero o no stare su Instagram?

Tenendo presente che se c’è un settore dell’editoria che è cresciuto negli ultimi tempi è quello dei libri per ragazzi, e che su Instagram il 90% degli iscritti ha meno di 35 anni, la risposta è piuttosto semplice da trovare.

Ecco, secondo uno studio condotto da MEC su un campione di oltre 1.200 studenti, quali sono i social network preferiti tra i più giovani.

infografica-1

Sul grafico vanno fatte alcune considerazioni: 1) Whatsapp è un social network? (sarà che mi accingo a superare la soglia dei 35, ma davvero per me una applicazione di messaggistica non è un social…); 2) Facebook ha subito un calo nelle interazioni di oltre il 50% (dati di novembre 2015), e 3) la società è corsa ai ripari acquistando proprio Instagram.

Questi numeri dovrebbero darvi la dimensione di quanto sia importante oggi essere presenti su Instagram, se il vostro intento è di entrare in contatto con una precisa fascia di lettori.
Sempre secondo MEC, gli under 30 vanno su Facebook per rimanere aggiornati, ma vengono guidati su Instagram dalla bellezza dei contenuti e la ricerca di ispirazione.

Come si traduce questo in azioni di promozione concreta lo spiega Alessandra Arpi: “In un periodo di insicurezza, cambiamenti e crisi, sentirsi speciali e unici è un traguardo che la Generazione Y cerca di raggiungere costantemente. Offrire contenuti inediti, promozioni o anteprime su Instagram, e solo su questo canale, fa parte di questa strategia. I follower tengono molto a sentirsi presi in considerazione, anche per un piccolo momento intimo”.

Che contenuti deve pubblicare uno scrittore su Instagram

Foto del libro
Probabilmente la prima cosa che farete, una volta aperto l’account su Instagram, sarà pubblicare le foto delle copertine. Non è una mossa sbagliata, ma esistono modi più creativi di promuovere i vostri libri. Come racconta Lorna Sixsmith, su ALLI, “come autore indie ottengo molti commenti quando i follower vedono le fotografie dei miei libri sugli scaffali delle librerie. Sapendo che sono auto-pubblicati, sembrano partecipi dell’emozione di vederli nelle librerie”.
E’ importante anche giocare un po’ d’anticipo, pubblicando solo un particolare o un ritaglio della copertina di un libro d’imminente uscita, per stimolare la curiosità (gli iscritti ad Instagram sono per la maggior parte ragazze…).

Anticipazioni ed estratti
Risultano efficaci anche le immagini di estratti dal libro, specie se è ancora un work in progress. Molti autori pubblicano delle istantanee dei fogli di lavoro, degli appunti di un romanzo in via di sviluppo, o immagini relative al tema del libro che sono state d’ispirazione.

HashtagInstagram

Dietro le quinte
Si dice spesso: sui social le persone vogliono entrare in contatto con altre persone. I follower saranno quindi interessati a voi, alla vostra vita di autori. Perché non proporre, allora, immagini su eventi e fiere a cui vi capita di prendere parte? Ma ancora più interessante sarà documentare il dietro le quinte, il viaggio, gli incontri post-evento, le strette di mano con i lettori, o qualche curiosità che soltanto voi avete notato. È inoltre possibile invitare gli altri partecipanti a condividere le loro foto.

Contest
Su Instagram, i concorsi basati sui contenuti generati dagli stessi utenti sono molto popolari. Potreste provare a chiedere ai follower di scattare dei selfie con il vostro libro in bella vista, o vestiti come uno dei personaggi, o ancora interpretando una scena. Assicuratevi che ogni immagine sia etichettata nel modo corretto, con l’hashtag che avete scelto per il contest, in abbinamento ad altri tag più popolari e mirati ad aumentare la visibilità dell’iniziativa.

Hashtag suggeriti sul tema libri e scrittura

#books #book #read #reading #reader #page #pages #paper #instagood #kindle #nook #library #author #bestoftheday #bookworm #readinglist #love #photooftheday #imagine #plot #climax #story #literature #literate #stories #words #text #writingdesk, #amwriting, #writingprompt, #writingtips, #bookshop, #indieauthor.

Se avete altri suggerimenti su come promuovere un libro su Instagram, vi invito a pubblicarli tra i commenti.

Però, sapete che su Storiacontinua ci interessa molto di più scoprire come le piattaforme social stanno cambiando il modo di scrivere i libri, perciò vi propongo la lettura di “Hey Harry Hey Matilda”, definito il primo romanzo scritto interamente su Instagram.

Ora, a me risulta che il primo libro scritto per instagrammi è il Wikiromance di Marco Minghetti, ma quello che ha fatto Rachel Hulin è stato creare un account esclusivamente per i suoi personaggi, i gemelli Harry e Matilda. La loro storia si sviluppa attraverso un intenso scambio di email, ovviamente corredate di foto. Istantanea dopo istantanea il lettore finisce per sentirsi connesso a loro ad un livello più profondo, quasi come se fossero persone reali.

Non vi avevo detto che era una buona idea creare un account social per i personaggi del vostro libro?

Instagram per scrittori: perché promuovere un libro attraverso le immagini può essere una buona idea ultima modifica: 2015-12-21T18:50:41+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!