Il sito PatentBolt.com ha pubblicato una descrizione dettagliata della richiesta presentata da Google, presso l’US Patent & Trademark Office, per depositare un brevetto sugli ebook che riproducono suoni.

L’idea è quella di far ascoltare ai lettori un musica di sottofondo, una volta giunti su una determinata pagina o capitolo di una libro elettronico, senza che se ne faccia esplicitamente richiesta, ma tramite dei punti di attivazione automatici.

Le informazioni di un determinato punto di attivazione vengono trasmesse ad un client configurato per monitorare la posizione di lettura dell’utente all’interno dell’ebook e riprodurre il suono associato.

Patent Bolt report ebook sound

Anche se il brevetto di Google non ne parla, l’invenzione potrebbe molto probabilmente utilizzare in futuro la tecnologia eye-tracking per migliorare la qualità di riproduzione degli effetti audio, quando il lettore si trova su una pagina.

Per il momento i tempi di realizzazione ed effettiva commercializzazione di un tale prodotto sono sconosciuti. Per il sito che ha diffuso la notizia si tratta comunque di un’idea attesa da tempo, altri commentatori sostengono, invece, che nell’invenzione di Google ci sia ben poco di innovativo, visto che le funzioni di riproduzione di audio e video sono già previste dagli standard dell’ePub 3.0, anche se in pochi hanno deciso di adottarlo per realizzare degli ebook arricchiti di contenuti multimediali.

Che Google stia cercando di approfittare dello scarso successo dell’ePub 3.0 per diventare proprietario di una tecnologia che dovrebbe rimanere rimanere aperta?

Google mette il cappello sugli ebook arricchiti ultima modifica: 2013-08-26T12:22:19+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!