Quando letteratura ed informatica si incontrano

via InfoWebTech: "Il progetto Storiacontinua.com nasce per spiegare i cambiamenti nel mondo della letteratura ai tempi di Internet e del Web 2.0"

Segui Storia Continua
Per Scrivere

Per Scrivere

Su Storia Continua scoprirai linguaggi nuovi e nuove tecnologie per diventare un Vero Scrittore dell’Era Digitale; non dovrai più metterti alla ricerca di un editore e non dovrai stampare pile e pile di carta per farti conoscere.
Read More
Pubblicare

Pubblicare

Storia Continua ti guida tra i migliori siti per pubblicare da solo il tuo libro. Qui trovi le interviste ai più importanti self-publisher italiani e le tabelle comparative dei vari servizi per l’auto-pubblicazione attivi online.
Read More
Diffondere

Diffondere

Comporre una trama che sia avvincente attraverso brevi battute è davvero tutta un’altra storia; non si tratta soltanto di spezzettarla in frasi da 140 caratteri. Storia Continua ti svela i segreti della narrativa di successo su Twitter.
Read More
Le tue storie online

Le tue storie online

Su Storia Continua puoi imparare come fare per i tuoi racconti una promozione dell'"Altro Mondo", grazie ai suggerimenti dei più importanti scrittori, self-publisher ed esperti di marketing a livello internazionale.
Read More

Twitter e la rinascita dell’aforisma

google+-cover

Non si può sempre sperare di ottenere una buona recensione per il proprio libro ma, a volte, da una stroncatura possono nascere collaborazioni fruttuose, che aprono nuove prospettive. E’ quello che mi è successo proponendo a vari siti di settore l’ebook “Narrativa in 140 caratteri. Genesi della Twitteratura”.

Nei toni che leggerete di seguito, mi ha risposto Fabrizio Caramagna, fondatore del sito Aforisticamente.com. Read More

Formattare un racconto con Markdown, la punteggiatura oltre la punteggiatura

ku-xlarge

Scrivere con i nuovi dispositivi digitali non significa soltanto cercare di utilizzare in maniera più creativa i suggerimenti di tastiera. Quello che scrivete tramite il vostro iPad, smartphone o tablet, finirà probabilmente sul web, il che richiede un’impostazione corretta anche dal lato codice. Vuol dire che da scrittori dovreste improvvisarvi anche programmatori?
Per fortuna, non proprio…

Molte delle applicazioni per la scrittura su mobile accettano la sintassi Markdown, uno strumento di conversione da testo ad HTML, sviluppato da John Gruber già nel 2004, proprio per gli scrittori web.

Nella pagina dedicata al progetto si legge che il “Markdown” è due cose:

1 una sintassi di formattazione di testo normale;

2 un software, scritto in Perl, che converte la formattazione del testo in HTML.

L’idea è che un documento scritto in Markdown dovrebbe essere pubblicabile così com’è, come testo normale, senza concentrarsi troppo sui tag con cui è stato contrassegnato. L’idea, quindi, è di rendere più facile leggere, scrivere e modificare la prosa.
Read More

iPad: 3 applicazioni che ogni scrittore dovrebbe conoscere

storyistipad

Approfondiamo ulteriormente il tema della scrittura sui dispositivi digitali, perché se abbiamo stabilito che è sempre l’autore a modellare il testo, “trasformando le parole della macchina in lingua viva”, è altrettanto vero (come ci spiegò Antonio Dini presentandoci il suo ebook “Scrivere con iPad”) che “ci sono mille modi diversi con i quali si può praticare l’arte della scrittura. E per ciascuno di essi c’è un’app, o quasi”.

Vediamo allora quali sono quelle più utili per scrivere un libro con iPad Read More

#IOS8scrivo: la scrittura creativa ai tempi delle tastiere predittive

620x349xTastiera-predittiva.png.pagespeed.ic.O84NrVEtJ7

Il linguaggio da sms, nato dall’esigenza di scrivere breve e scrivere veloce, quindi caratterizzato da abbreviazioni, neologismi, elementi grafici, per quanto discutibile dal punto di vista grammaticale, ha dato comunque vita a forme di espressione creativa.

Come viene riportato nel saggio “Scritture brevi nelle lingue moderne” a cura di Francesca Chiusaroli e Fabio Massimo Zanzotto:

“Scrivere sms è primariamente attività ludica e comporta alcune volte la combinazione del principio economico con l’attenzione all’aspetto estetico, ovvero all’effetto figurativo (…)
Nel contesto pratico conversazionale tali segni non raramente divengono eccedenze grafiche, elementi ripetuti senza risparmio, certamente contravvenenti le proprietà o le potenzialità informative, in una parola forme vive dell’agire linguistico. Tale versatilità degli impieghi sulla base dei contesti, degli umori, delle personalità, decreta il successo planetario delle scritture brevi, la loro eccezionale spendibilità, l’adattabilità alle condizioni comunicative più variamente intese”.

Ma che succede se, proprio per ovviare ai limiti di spazio e tempo, le tastiere dei nostri cellulari iniziano a diventare “intelligenti”? Se diventano in grado di suggerirci, a seconda del contesto (sms, social network, email), la parola giusta da utilizzare, che fine farà tutta questa creatività?
Read More

Ebook store: capirne gli algoritmi per aumentare le vendite

algoritmo_raccomandazioni_Amazon

Chiunque intenda pubblicare un libro online e riuscire a venderlo con successo, deve comprendere i fattori che incidono sulla visibilità dei titoli nelle librerie digitali. Ossia, capire gli algoritmi, quell’insieme di regole e logiche che consentono ai rivenditori di indicare ad ogni lettore il libro che potrebbe piacergli.

Da Amazon a Ibs, ogni store ha sviluppato il suo proprio algoritmo, ma esistono alcuni principi di base comuni, tutti estremamente importanti nell’ambito della vendita di ebook. Vediamo quali.
Read More

“Onde” 20 racconti in adozione

FRONTESPIZIO

Adesso sì che inizia davvero il nostro nuovo anno, con il primo Ebook in Adozione del 2015!
Si intitola “Onde” ed è una raccolta di venti racconti firmati da Sabrina Calzia, a tre anni dall’uscita del suo primo romanzo “La metà di credere”.

“A Cernusco sul Naviglio, dove vivo, ho trasferito su carta il mio sogno di scrivere, chiuso in un cassetto da quando ero bambina. Sono nata a Imperia nel 1971, e della Liguria conservo nel cuore il vento, il sole e la casa dove sono cresciuta”.

Forse è per questo che Sabrina vede nei sentimenti i veri protagonisti dei suoi racconti Read More

Landscape Books, intervista a un editore di “libri impossibili”

LandscapeLogo

Eccoci con Guido Del Duca, direttore editoriale di Landscape Books, non un semplice editore digitale, ma un editore di libri impossibili…

“Impossibili da vedere su carta, e per motivi diversi. Quello più immediato lo si può facilmente capire sfogliando “A Christmas Carol. Canto di Natale”, il nostro titolo di debutto. Il classico di Dickens diventa animato, interattivo e sonoro, ma non per questo assomiglia a una App”.

Come e perché nasce Landscape Books? Read More

I migliori ebook indipendenti del 2014

pulsante-verde-brillante-con-un-pollice-alzato

Anche quest’anno su Storiacontinua siamo riusciti nell’intento di dare visibilità ad un bel po’ di romanzi autopubblicati, grazie all’iniziativa Ebook in Adozione (ormai dovreste conoscerla bene).
Ma visto che di questi tempi fanno decisamente tendenza le classifiche, la voglio rilanciare proponendovi quelli che secondo me sono stati i migliori ebook presentati nel 2014. Non è stato il gusto personale a guidarmi nella scelta, bensì il fatto che gli autori hanno avuto la capacità di dare alle loro storie ampio respiro, inserendole all’interno di progetti che valicano i limiti del racconto. Vediamoli insieme, cosicché possano esservi di ispirazione per l’anno che verrà.
Read More

Da sceneggiatura a romanzo interattivo: “Prima che il mondo cominci a bruciare”

Copertina

Una storia, quando è una buona storia, deve in qualche modo o forma venire fuori. E’ esattamente quello che è successo a “Prima che il mondo cominci a bruciare”, nata come sceneggiatura, nel 2007, da un’idea di Federico Crosara (“Ico”), proprietario di una una casa di produzione video.

“La sceneggiatura è stata un punto di arrivo naturale”, mi spiega, “ma pur avendo avuto apprezzamenti positivi non passò mai alla fase successiva”. Molto è dipeso da come viene trattato il tema del precariato nel romanzo. Non certo in maniera comica e ironica come fatto finora… “Così, per non buttare anni di lavoro decisi di commutarla in un romanzo”.

“Mandai il manoscritto in giro ma per la fretta scelsi una casa editrice “tradizionale”. Fortunatamente alla firma del contratto mi tenni per me i diritti di sfruttamento (sempre per via della sceneggiatura) e terminato il periodo a loro disposizione per vendere il libro, mi riappropriai della mia creatura al 100%.

“Nel frattempo cominciai, più che altro per il mio lavoro, ad interessarmi e a studiare come realizzare delle pubblicazioni interattive. Da lì il passo all’ebook è stato molto breve. Tra le varie fonti da cui ho attinto c’era anche il vostro sito StoriaContinua.com e tra le tantissime cose che vi si trovano mi interessai molto al lavoro di un’azienda in particolare: Simplicissimus. Così decisi di scegliere la loro piattaforma di self-publishing, Narcissus, per ripubblicare e ridistribuire il mio libro”.

“Prima che il mondo cominci a bruciare” ha subito ben tre diverse trasformazioni, fino a diventare un romanzo completamente navigabile; all’interno si trovano link a contenuti audio e video, molte delle scene si aprono proprio come quelle di una sceneggiatura cinematografica (esterno/giorno – interno/notte) e possono essere lette singolarmente o in maniera sequenziale. Lo definirei quasi un ibrido. Perfetto come “Ebook in Adozione” del mese!

“Prima che il mondo cominci a bruciare (un problema italiano)” – sinossi Read More

3 esercizi di “Flash Fiction”, per imparare a scrivere breve

for-sale-300x180

Per chi si fosse perso qualche aggiornamento, con il termine Flash Fiction ci si riferisce a tutti quei racconti che non superano le 1000-2000 parole.

Adesso che si diffonde sempre più la lettura tramite dispositivi digitali (ereader, tablet, smartphone) diventa importantissimo riuscire ad esprimersi entro tali limiti. Per questo rilancio, in questo post, alcuni esercizi di scrittura che vi aiuteranno, non soltanto a concentravi su quella che è la struttura base di una storia, ma anche a sviluppare uno stile più conciso.

Molti scrittori, infatti, hanno l’abitudine di usare gratuitamente parole e frasi al fine di raggiungere un certa lunghezza, realizzare un pezzo più armonioso o arricchire i passaggi descrittivi. Spesso queste parole finiscono, invece, per lasciare meno spazio alla fantasia del lettore; a volte, c’è così tanta descrizione in un racconto che trama e personaggi si perdono addirittura.

Esercizi di scrittura come quelli proposti da Writing Forward vi aiuteranno ad individuare le aree in cui un eccessivo uso di parole diventa un problema. Sono esercizi molto semplici e possono essere completati piuttosto rapidamente.

Flash Your Fiction Read More