Date ai lettori un storia in cui credere e vi concederanno del tempo. Questo è un passaggio fondamentale per chi vuole iniziare a scrivere un racconto, perché a chi vi legge poco importa dei vostri sentimenti personali, vi concederà il proprio tempo solo se riuscirete ad essere credibili.

Se leggiamo un libro è perché decidiamo di credere a ciò che lo scrittore ci racconta, anche se si tratta di volpi e di uva, di nani che accolgono una ragazza in fuga o di attraversare il bosco per andare ad accudire una nonnetta disabile. E sapete perché? Non perché tutti noi abbiamo una nonna, ma perché tutti prima poi ci troviamo a dover superare le difficoltà rappresentate da un bosco impervio: la parte più oscura di noi o della nostra vita.

Ecco un buon tema per una storia di successo, ma non provate a rubarlo, perché tanto lo ha già scritto qualcun altro!

esercizio di scrittura creativa Quello che vi suggeriamo, invece, è sì di ascoltare la vostra urgenza di comunicare quella parte più profonda di voi, ma di plasmarla secondo i contorni di un’idea originale, darle forma di luoghi, immagini e personaggi da far rivivere sulla pagina.

Attenersi a questa regola generale, vi impedirà di lasciarvi andare a delle improbabili e noiosissime elucubrazioni, che infrangerebbero il tacito accordo fatto con i lettori. E perché ciò avvenga, una volta individuato il tema del romanzo, dovete essere sicuri che la trama e i personaggi che andrete a sviluppare intorno ad esso siano credibili.

Avrete certamente un personaggio, che sarà spinto da un suo profondo desiderio ad agire in modi che infrangeranno l’equilibrio iniziale dell’ambiente in cui si trova, le sue scelte lo obbligheranno a fare i conti con se stesso, fino a produrre quel cambiamento – l’appagamento (o la perdita) del tanto agognato desiderio – che è poi la “catarsi” che ci si aspetta di trovare in ogni libro. Quel qualcosa con cui il personaggio in questione dovrà “fare i conti”, costituisce quasi certamente il vostro tema, ciò che avete sentito l’urgenza di raccontare.

Attenzione – raccontare – non spiegare!

I temi spesso esplorano idee universali e sono quasi sempre impliciti piuttosto che espliciti. ()cit.: Wikipedia

Non si racconta, quindi, per rispondere soltanto alla propria esigenza di esprimersi, ma soprattutto alle esigenze dei lettori di emozionarsi, di entrare in empatia con la storia.

L’esercizio

Scegli un tema e scrivi un elenco di modi in cui può essere sviluppato attraverso una serie di eventi concreti.

È possibile scegliere un tema per i personaggi abbozzati nel primo esercizio o per la struttura in tre atti impostata nel secondo esercizio.

In alternativa, per comprendere meglio cosa si intenda per tema di un racconto potete cercare di identificare quelli di altre storie. Analizzate i vostri libri preferiti e fate una lista di alcuni dei temi che avete trovato.

Ti interessa migliorare la qualità dei tuo testi?

Chiedi la consulenza gratuita diretta di un Self Publishing Assistant. Assistenza editoriale h24: tu pensa solo a scrivere, al resto pensiamo noi!

Come e perché scegliere il tema di un libro ultima modifica: 2013-07-04T18:08:13+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!