Oggi siamo con Valeria Ferracuti, direttrice editoriale di Rosso China, agenzia letteraria nascente, che offre servizi di editing, valutazione manoscritti e correzione bozze.

Valeria ci ha guidato attraverso le varie fasi del lavoro che viene svolto nella sua agenzia, dispensando anche qualche utile consiglio per chi, una volta terminato di scrivere il proprio romanzo, si trova nel delicato momento dell’auto-valutazione.

L’autore deve essere cosciente del fatto che è bene proporre all’editore un’opera già controllata, il più possibile rettificata da refusi che rendono fastidiosa la lettura e più difficile un giudizio positivo.
Ma l’autore è il peggior lettore di se stesso, perché non riesce a esaminare il proprio testo con il distacco necessario per scovare errori e sviste grammaticali.

La correzione di una bozza è il primo passo necessario per rendere un testo più leggibile e scorrevole, serve ad eliminare e ripulire con attenzione il contenuto da errori di battitura, refusi grammaticali e di punteggiatura: è un passaggio imprescindibile e un’operazione senza la quale qualsiasi scritto non può essere dato alle stampe né si può presentare all’attenzione di una casa editrice. Noi di Rosso China la eseguiamo in modo totalmente manuale e non meccanizzato.

Quando ci viene commissionato un testo, per prima cosa viene creata una scheda anagrafica dell’autore, con i suoi dati e il lavoro richiesto e vengono pianificate le tempistiche per la consegna del lavoro in base alla lunghezza del testo. A questo punto viene effettuata una prima lettura, per avere una visione d’insieme del lavoro che dovrà essere svolto.
Il testo viene letto sempre da almeno due persone per avere pareri multipli sulle peculiarità dello scritto in esame.

La bozza viene poi suddivisa in diverse parti e riletta con più attenzione. Qui inizia la revisione vera e propria: i refusi riscontrati si appuntano a matita direttamente sul testo originale appena stampato, quindi lo scritto viene passato a un secondo editor per scovare errori che possano essere sfuggiti a una prima revisione.

L’editing, invece, è una revisione approfondita che riguarda la forma e la struttura di un testo ed è effettuata in costante collaborazione con l’autore.

L’autore è spesso concentrato su ciò che sta scrivendo e rischia a volte di non riuscire ad avere una visione d’insieme del suo lavoro, per questo l’editing verrà effettuato tenendo conto dell’opera nel suo complesso, andando a evidenziare quelli che sono:

– errori di carattere temporale (es. un personaggio corre tra il grano maturo e poche pagine dopo si festeggia il Natale)

– errori di carattere spaziale (es. ritroviamo un personaggio a una distanza che non può aver percorso in un certo lasso di tempo)

– errori di logica (es. un personaggio che esprime idee o esegue azioni in completa contrapposizione con un carattere precedentemente descritto)

– errori di ricerca (tutti quegli errori, cioè, dati dalla scarsa conoscenza di un certo argomento, come un’errata rievocazione storica, nomi o date confuse, citazioni sbagliate, ecc.)

Nel caso dell’editing, gli appunti dei nostri correttori vengono inseriti e sovrascritti al testo, per permettere all’autore di avere l’ultima parola sulle modifiche da apportare.
L’ultimo passaggio consiste nel riportate le correzioni sul file originale digitale (lasciando sempre ben visibile il testo originale). Lo scritto verrà letto un’ultima volta prima dell’invio.

Insieme al testo revisionato, verrà inviata all’autore una scheda di valutazione nella quale si esaminerà il genere letterario, la trama, l’ambientazione, i personaggi, i dialoghi, la lingua e lo stile, indicando se l’opera è pronta per una pubblicazione editoriale ed eventualmente consigliando le case editrici che potrebbero essere interessate a quel tipo di opera.

La scheda di valutazione è quindi un parere tecnico sui principali punti focali che determinano la costruzione dello scritto; a questa seguiranno suggerimenti, consigli e proposte su come ovviare alle mancanze evidenziate, nonché su come insistere su pregi e qualità.

Buona struttura, grammatica corretta, stile definito, capacità di catturare e mantenere l’attenzione del lettore, equilibrio e fluidità sono qualità che dovrebbero appartenere a ogni scritto.

Editing “Rosso China”: quali errori andare a scovare in un manoscritto ultima modifica: 2012-10-15T19:28:50+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!