Negli anni ’80 Mario Garcia e Roy Peter Clark furono i primi ad introdurre nelle redazioni la filosofia WED, acronimo di Writing – Editing – Design.

E ‘stato l’inizio della comparsa del design come disciplina all-inclusive:

La “W” comprende non solo la scrittura, ma anche la ricerca e il racconto di storie, unito all’effetto visivo dato da titoli, sottotitoli e didascalie.

La “E” comprende non solo la modifica, ma coordinare e dare un senso a tutto il materiale grezzo. Questo include le connessioni tra le varie parti del racconto.

La “D” comprende non solo il design, ma anche la fotografia, l’illustrazione, l’arte del colore, della tipografia e della grafica.

IWED_thumb Il trio costituito da queste tre discipline, scrittura – editing – design, non è destinato a scomparire presto. Anzi, al contrario, secondo Garcia Media, a 25 anni di distanza, il WED si è arricchito, espandendosi oltre la pagina stampata con le piattaforme mobili, on-line e i tablet.
Tutte queste piattaforme hanno, a modo loro, il compito di diffondere l’informazione, ma non potranno assolvervi con successo se dietro non c’è un’idea generale di narrazione. Quindi al WED bisogna aggiungere il concetto di integrazione – iWED – ossia concepire le varie piattaforme come facenti parte di un’unica operazione in cui è la storia a venire per prima.

5 consigli per una comunicazione integrata WED

1. Coinvolgere scrittore, editor e designer fin dalla fase di pianificazione del racconto di una storia.

2. Lasciate che siano le caratteristiche specifiche di ciascuna piattaforma a determinare il modo in cui scrittura, editing e design verranno realizzati.

3. Lasciate che WED serva da trampolino di lancio per prodotti dal contenuto multi-sensoriale: audio, video, pop-up.

4. Non dare più importanza a una piattaforma rispetto all’altra. Non viene prima la stampa o il digitale, probabilmente il WED viene prima di tutto, nel rispetto di ciò che ogni piattaforma ha da offrire.

5. Ricorda che WED è una disciplina e funziona meglio quando coloro che la applicano sono disciplinati circa il suo utilizzo.

5 consigli per una comunicazione multi-piattaforma ultima modifica: 2013-07-22T16:27:13+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!