L’ho scoperto quasi per caso il “Dizionario Affettivo della Lingua Italiana”, uscito in libreria per la Fandango Libri due anni fa.

Ma le parole, si sa’, rimangono indelebili nel tempo, senza mai perdere la forza del loro significato. Per Matteo B. Bianchi, che del dizionario è l’ideatore, le parole sono anche “legami, idoli, feticci, oppure ragioni di insofferenza, di frustrazione, le parole sono emotività, sono affetti”.

Partendo da questa consapevolezza, ha chiesto a circa trecento tra narratori e poeti italiani, di individuare la loro parola “affettivamente” più significativa e di renderle omaggio nella forma di una classica definizione da dizionario.

Ne è venuto fuori, per l’appunto, il primo Dizionario Affettivo della Lingua Italiana. “Un volume insieme tradizionale e atipico, disciplinato e del tutto irregolare, un piccolo monumento di scrittura alle parole della nostra lingua”.

Stori Continua, ha scelto per voi la parola “Coraggio”, secondo la definizione di Nicola Lagioia. Un auspicio, una speranza nel cambiamento.

Il coraggio delle parole ultima modifica: 2010-09-18T20:57:35+00:00 da Sonia Lombardo