Alla fine dello scorso anno sono arrivati in Italia gli altoparlanti intelligenti Amazon Echo e Google Home. Gli assistenti vocali non sono certo una novità, già oggi le statistiche ci dicono che quasi la metà delle ricerche avviene tramite voce, su smartphone e il 28% di queste sono finalizzate a reperire informazioni su prodotti o servizi. Però gli smart speaker per la casa promettono di comprendere meglio il linguaggio naturale e offrire risposte più mirate, il che li renderebbe idonei ad accendere una lavatrice intelligente, certo, ma anche a comprendere quali sono i nostri gusti in fatto di intrattenimento. Cosa che dovrebbe far drizzare le orecchie anche a voi creativi, infatti ciò che le notizie non hanno abbastanza messo in risalto è che sia Google, per l’ambito della ricerca, che Amazon per la produzione di contenuti, hanno aperto le loro piattaforme agli sviluppatori.

Secondo Katie Ernst di Select a Story, casa produttrice di audiolibri interattivi per Alexa e Google Assistant, inserirsi in quest’ambito avrà per gli scrittori gli stessi risvolti dell’inizio dell’era di Internet o dell’onda del self-publishing. E’ qualcosa che Siri e Cortana non hanno permesso di fare, ed è per questo che, sempre secondo la Ernst, cadranno presto nel dimenticatoio.

Amazon, invece, ha persino già previsto dei metodi di ricompensa per i creatori di applicazioni vocali, una sorta di Kindle Unlimited per sviluppatori in pratica, oltre alla possibilità di inserire all’interno dei contenuti la famigerata dicitura “Se ti è piaciuto questo allora ti piacerà anche…”, significa che si potranno pubblicizzare le applicazioni vocali essenzialmente come si fa con i libri tradizionali o gli ebook.

Questo sviluppo colpisce immediatamente tutte le altre forme di media, ha scritto, Bradley Metrock di VoiceFirst.FM.

“Molte persone e organizzazioni prosperano nella vendita di libri rendendo gratuiti altri tipi di contenuti, come podcast o video, per coltivare il proprio pubblico. Se un’intelligenza artificiale mi sta dicendo quali libri devo comprare, la stessa IA deve sapere dove trovare altri contenuti di quell’autore, di quell’editore o di autori e editori simili. Se quel contenuto non è disponibile all’interno dello stesso ecosistema, ciò potrebbe influenzare i risultati.

In altre parole, devi assicurarti che i tuoi podcast siano disponibili tramite Google Play Music, che i tuoi audiolibri siano disponibili nell’ecosistema di Google e che i tuoi video siano disponibili e ben ricercabili su YouTube, se aspiri a vendere molti libri.”

Ciò che diventerà evidente con una sempre più ampia diffusione della ricerca vocale è l’interdipendenza dei contenuti. Non è una cattiva idea perciò, sottolinea Metrock, creare un’abilità di Alexa o un’azione di Google.

Come creare un’applicazione vocale

Ora è possibile usare strumenti come lo stesso Alexa Skills Blueprints per farlo senza conoscere alcun codice. Questa piattaforma mette a disposizione una serie di modelli preimpostati i cui contenuti possono essere personalizzati, in questo modo l’assistente è in grado di leggere il testo con la propria voce, riducendo così i costi che di norma uno scrittore dovrebbe affrontare per produrre un audiolibro o un podcast.

Si possono produrre storie interattive, ovvero l’utente ascolta una scena e alla fine gli vengono proposte due opzioni, ad esempio “combatti” o “scappa” e la scena che corrisponde alla loro scelta viene riprodotta successivamente. Il meccanismo si ripete finché non si arriva alla fine. A quel punto, gli utenti possono ricominciare l’ascolto della storia per scoprire cosa succede facendo scelte diverse. Secondo la testimonianza degli sviluppatori di Select a Story, in pratica i contenuti vocali hanno il potenziale di creare un coinvolgimento che non ha precedenti all’interno del panorama digitale. “Molti giocano per più di un’ora in una singola seduta”, dicono, “percorrendo tre o quattro percorsi completi nella stessa seduta.”

E la creazione di audio interattivi è solo una delle infinite possibilità. Gli autori potrebbero produrre prequel ai loro libri esclusivamente per Alexa o Google Assistant. Potrebbero fornire contenuti aggiuntivi. Potrebbero creare un gioco o un quiz basati sulle loro storie.

strumenti per progettare applicazioni vocali

Strumenti per creare abilità Alexa senza conoscere il codice.

Design delle conversazioni

Certo, saper scrivere non significa saper necessariamente progettare un racconto a bivi o sapere cosa crea coinvolgimento quando una narrazione avviene esclusivamente a voce. Sarebbe pertanto consigliabile iniziare innanzitutto dalla formazione, seguendo uno dei tanti corsi messi a disposizione sulle piattaforma per gli sviluppatori, sia di Alexa che di Google, per apprendere le basi del conversational design. Ambito in cui le regole di scrittura cambiano leggermente, poiché si tratta di riuscire a trasformare un ascoltatore passivo (sappiamo che gli audiolibri vengono spesso ascoltati mentre si praticano altre attività), in un giocatore attivo.

“Il ruolo di un designer di conversazioni è simile a quello di un architetto”, spiegano da Google, “traccia ciò che gli utenti possono fare in uno spazio, tenendo conto sia delle esigenze dell’utente che dei vincoli tecnologici.”

“Il partner di conversazione con cui l’utente interagirà direttamente, deve essere creato esattamente come si farebbe per un personaggio di un libro al fine di garantire un’esperienza utente coerente.”

Ma perché cimentarsi con qualcosa che sembra così lontano dal mondo della narrativa?
Pensate che delle 25.000 applicazioni vocali disponibili adesso negli Stati Uniti solo un 15% circa sono giochi e ancor di meno sono quelli a sfondo letterario (sullo store italiano… che ve lo dico a fare). Il resto sono applicazioni che controllano dispositivi per la casa, app per musica o notizie. In pratica non c’è ancora una vera concorrenza e quindi avreste tutto il modo e il tempo di sperimentare esattamente come hanno fatto dieci anni fa i primi autori autopubblicati con l’arrivo del Kindle in Italia.

Guida alle narrazioni “Voice First”, nuova frontiera del self-publishing ultima modifica: 2019-02-04T11:52:31+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!