transmedia-storytelling Più tecnologia significa più possibilità di sviluppare progetti editoriali sfruttando media differenti, ma per farlo in modo coerente e significativo, appunto, bisogna acquisire nuove competenze e capacità manageriali.

Se ne parlerà al seminario dedicato al transmedia storytelling, nell’ambito della sesta conferenza internazionale sull’innovazione nell’editoria, organizzata dalla AIE.

Il prossimo 27 giugno, presso la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori di Milano, con il contributo di Pierdomenico Baccalario (autore), Tiziana Cavallo (consulente di comunicazione d’impresa), Andrea Fontana (presidente dell’Osservatorio Storytelling Università Pavia), Marco Sparmberg (produttore transmediale), saranno analizzate nel dettaglio le tecniche e le modalità creative della narrazione transmediale.

I confini tra i diversi media si assottigliano mentre le nuove tecnologie permettono di dare vita a prodotti ibridi, tra film e videogioco, libro e animazione. I mondi narrativi crescono per abbracciare più media, adottandone le regole specifiche. E lo stesso utente finale si aspetta sempre più di ritrovare i propri universi immaginativi declinati in un contesto più ampio e pervasivo.


L’agenda della giornata prevede un approfondimento in particolare sul ruolo del direttore transmediale, nuova figura professionale con capacità creative e manageriali, e sulla bibbia transmediale, ovvero l’insieme dei documenti che permette di coordinare il progetto in tutte le sue diverse declinazioni.

Verrà inoltre presentata una rassegna di alcuni recenti casi di successo, che spaziano dal mondo dell’interactive mobile entertainment, alle webseries, film, TV, giochi e cultura pop. Particolare attenzione sarà dedicata a quei progetti che coinvolgono il mondo editoriale. La sessione si occuperà dei diversi formati delle storie e delle rispettive strategie distributive e anche dei flussi finanziari di progetti selezionati.

Il seminario è indirizzato in particolare a:

– editori, editor (tradizionali e digitali), autori, sceneggiatori e illustratori che sono interessati a esplorare nuove forme di narrazione

– programmatori, registi, musicisti e tutte quelle figure che sono coinvolte nella realizzazione di progetti transmediali

Per non arrivare impreparati

La conferenza ufficiale Editech 2013 “Navigare controcorrente, editoria al tempo della distruption”, si terrà invece il 20 giugno.
Leggi il programma completo.

Editech 2013: la nascita del transmedia storytelling ultima modifica: 2013-06-17T18:37:49+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!