Consigli di scrittura da Realismo Isterico

Tre esponenti della corrente letteraria postmoderna rilasciano i loro personali consigli su come scrivere buona narrativa. Le parole d’ordine sembrano essere “verità” e “off-line”!

Jonathan Franzen

– La fiction che non è frutto della personale esperienza di un autore non vale molto, se non a fare soldi.

– Non usare mai la parola “allora” come una congiunzione – abbiamo “e” per questo scopo. “Allora” è la soluzione di uno scrittore pigro al problema dei troppi “e” nella pagina.

– Scrivi in terza persona a meno che, davvero, la voce in prima persona di un personaggio non ti si offre distinta e irresistibile.

– Quando l’informazione diventa libera e universalmente accessibile, i volumi di ricerca di un romanzo si svalutano con esso.

– La narrativa autobiografica più pura richiede pura invenzione. Nessuno ha mai scritto una storia più autobiografica de “La metamorfosi”.

– E’ indubbio che chiunque abbia una connessione Internet sul posto di lavoro non sta scrivendo buona narrativa.


Zadie Smith

– Assicurati di leggere un sacco di libri. Dedica più tempo a fare questo che a ogni altra cosa.

– Prova a leggere il tuo lavoro come farebbe un estraneo, o meglio ancora, come farebbe un nemico.

– Non idealizzare la tua “vocazione”. Non esiste lo “stile di vita da scrittore”, no. Tutto ciò che conta è ciò che si lascia sulla pagina.

– Lascia uno spazio decente di tempo tra la scrittura e la sua modifica.

– Lavora su un computer che è disconnesso da Internet.

– Proteggi il tempo e lo spazio che dedichi alla scrittura. Teni lontano tutti, anche le persone che sono più importanti. La presenza di una folla non renderà la tua scrittura migliore di quello che è.

– Di ‘la verità, utilizza qualsiasi escamotage possibile, ma raccontarla.

Joyce Carol Oates

– Sii il tuo proprio critico. Simpatico ma senza pietà!

– A meno che non stai scrivendo qualcosa di molto all’avanguardia – tutto nodoso e “oscuro” – prendi il considerazione la possibilità di dividere in paragrafi.

– A meno che non stai scrivendo qualcosa di molto post-moderno – auto-cosciente, auto-riflessivo e “provocatorio” – prendi in considerazione la possibilità di utilizzare parole semplici al posto di polisillabiche “grandi” parole.

– Tieni a mente Oscar Wilde: “Un po ‘di sincerità è una cosa pericolosa e molta è assolutamente fatale.”

– Mantieni accesa la speranza nel cuore. Ma aspettati il peggio

Pensi che possa essere utile a un amico? Condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

2 risposte

  1. Occasionalmente mi chiedo cosa possa indurre chi scrive a dare consigli sul modo migliore di scrivere, ma poi mi convinco che è il consigliare che fa sentire di essere degli arrivati al capolinea, proprio lì, dove lo scrivere inizia a perdere di significato per lasciar posto al chiedersi il perché si continui a scrivere al posto di spararsi una pistolettata in un piede…

  2. Sono rarissime le cose che leggo con più piacere dei consigli di scrittura, li trovo magnifici e credo siano le cose migliori che chi li ha scritti… abbia mai scritto. In questo senso sono dei veri capolavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Unisciti agli Scrittori dell'Era Digitale

Scopri i segreti per lanciarti alla grande con il tuo libro online grazie a un Kit:

  • Creato da professionisti del settore;
  • Chiaro e facile da seguire;
  • Completamente gratuito;