Formentera Filo Blu è il nome dell’associazione culturale presieduta da Stefania Campanella, scrittrice romana che però ha dedicato alla regina della Baleari ben tre libri: il romanzo “Formentera non esiste”, l’insolita guida turistica “Formentera senza vie di mezzo” e infine il photobook “Formentera Yin e Yang”.

Tutti e tre i libri sono frutto di intrecci ed incontri avvenuti fuori e dentro la Rete, sul blog www.formenteranonesiste.com e l’omonima community nata poi su facebook per riunire tutti coloro che essendosi innamorati dell’isola sono determinati a ristituirne un’immagine diversa, lontana dagli stereotipi del gossip cui siamo abituati.

Lo stesso spirito anima il racconto collettivo che Stefania Campanella ha voluto inaugurare sul Wiki della Narrativa di Storiacontinua. Una Formentera più magica e misteriosa è quella che si inizia a delineare tra le prime righe del suo incipit. “L’isola che ispira artisti e poeti, si ritrova senza tempo, come in un sogno”.
Un sogno in cui si entra solo calandosi nei panni di diverse Formentera Lady.

La prima la troviamo riversa sulla spiaggia, la sabbia fina le ha ricoperto il corpo con il movimento delle onde.
E’ arrivata dal mare.
Apre gli occhi, guarda avanti a sé e vede solo delle dune, guarda dietro e vede solo il mare. Non ha riferimenti. Si alza, si incammina verso il sentiero che si spinge all’nterno e tra timo e rosmarino inizia a camminare… e per terra, nella terra rossa che calpesta, intravede qualcosa… un filo blu, lo prende ma non sembra finire, più lei lo tira più sembra infinito.
La donna, che non ha capito dove si trovi e perché, inizia a fare un gomitolo e a seguire il filo. Sembra proprio che la conduca dentro il giardino di una casa, una finca bianca apparentemente vuota. Ma come si affaccia dalla porta aperta, vede un uomo di spalle, scapigliato, che sta dipingendo un gallo sulla sua tela varipinta.
“Ciao.. vengo dal mare”. L’uomo non si muove, non reagisce, ma sulla sua tela inizia a fare delle pennellate schizzofreniche, rosa shocking, bluette, verde acido… e poi si volta e dice alla donna: sei tornata. E crolla in un sonno profondo.

Intanto, nella stessa spiaggia in cui si è risvegliata la donna, un gruppo di ragazze si è sdraiato al sole, con ombrellini, creme solari, in topless e con una tenera spensieratezza. Una di loro controlla l’ora sul cellulare, ma segna le 00.00. “Deve essersi impazzito l’orologio del mio telefono, segna le 00.00. Qualcuno sa dirmi l’ora?”. “Sono le…” una delle amiche si blocca e con grande stupore si accorge che anche il suo cellulare segna le 00.00. E così è per le altre. Ma ben presto tutta l’isola si accorgerà che ogni lancetta è ferma sulle 00.00.
Internet non funziona. La luce elettrica è totalmente assente, così come accadeva fino a pochi decenni fa in questa terra. Il sole splende nel cielo terso, ammirandosi nelle acque cristalline in tutta la sua potenza. Era il 21 settembre del 2012.

Partecipate con Stefania Campanella alla stesura del racconto “Formentera Filo Blu”.

Potete inviare i testi (tra le 2000 e le 10.000 battute, spazi inclusi) su Wiki-racconti e scrivendo fra i TAG “Formentera Filo Blu”. Oppure tramite email all’indirizzo info@storiacontinua.com

I migliori verranno pubblicati sia online che nella collana editoriale WikiBooks di Youcanprint.it

Wiki-Racconti presenta “Formentera Filo Blu” ultima modifica: 2012-02-27T21:16:15+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!