Per l’ultimo Ebook in Adozione del 2017 ospitiamo Piero Iula, autore della trilogia fantasy “I Fuochi Danzanti”. Ho avuto modo di conoscerlo durante i mesi trascorsi a lavorare alla creazione e pubblicazione dei suoi ebook, e mi è sembrato che il suo esordio da autopubblicato fosse singolare, se non altro perché arriva dopo vent’anni trascorsi a insegnare e ben altri trenta a fare l’artigiano.

Si può affermare che Iula è uno di quei pochi fortunati che riescono a vivere delle proprie passioni, nel suo caso la lettura e il modelissimo, diventate poi la principale fonte di ispirazione per la sua serie di romanzi. Se c’è, infatti, una caratteristica che spicca ne I Fuochi Danzanti è la nitidezza delle ambientazioni, la cura per il dettaglio di ogni remoto angolo del Mondo di Thera, che Piero sembra quasi aver costruito, più che scritto, pezzo per pezzo.

Come nasce un Fantasy

“Ho cominciato a scrivere come se stendessi pennellate di colore su una tela bianca, su cui non avevo tracciato nessuno schizzo preparatorio. Ho iniziato da un punto e ho proseguito a riempire la tela usando i colori e le linee che di volta in volta mi sembrava si accordassero al meglio col dipinto che cominciava a prendere forma.
Nacque la Valle del Mogadon, percorsa dalle pigre anse di un fiume. Alla sinistra del fiume campi coltivati a perdita d’occhio facevano da corona alla città, mentre la riva destra era occupata da una foresta scura, fittissima, misteriosa.
Che cosa rendeva quella foresta così tenebrosa e pericolosa?
Sfere! Sfere di pura energia che si nutrono dell’energia di uomini e animali, non per un disegno malvagio, ma perché è tale la loro natura.

Foresta Proibita dei Fuochi Danzanti

“Quegli esseri incorporei, innocenti ma letali, da dove vengono? Perché sono lì? Chi li ha creati? Chi e come può combatterli?
Ecco che i personaggi, la loro storia, il loro carattere, le loro motivazioni e le loro azioni nascevano perché in quel momento erano necessari per completare quel pezzo del dipinto. Ogni personaggio si portava dietro un contesto, una “vita vissuta”, che inevitabilmente causava la nascita di altri personaggi, altre situazioni, altre vicende.
Mattone su mattone la casa cresceva e si allargava senza seguire un progetto iniziale. Ogni seduta alla tastiera del PC era per me una intrusione in un mondo che io stesso avevo creato. Più che come l’autore mi ponevo come uno spettatore di fronte alle mie creature che si muovevano autonomamente e spesso mi sorprendevano per la loro capacità di portarmi in direzioni che non avevo immaginato quando la sessione di scrittura era iniziata.

“In pratica un romanzo che si scrive da solo!
Assurdo, vero? Ma è così che, incredibilmente, sono riuscito a mettere un tetto su una casa molto più grande di quanto mi fossi aspettato quando ho iniziato questa esperienza tre anni fa.
Quanto è solida la mia casa?
Sono un neofita come scrittore, ma ho una esperienza amplissima come lettore e credo di saper prevedere se un lettore come me si troverà a suo agio nell’aggirarsi tra i meandri della casa e se riuscirà ad affezionarsi ai personaggi che vi incontrerà.
Non voglio peccare di presunzione, ma credo che la mia Casa sulle rive del Mogadon sia abbastanza solida e confortevole da indurre il lettore a non fuggire via disgustato o annoiato, ma a trattenersi abbastanza a lungo da arrivare a leggere la parola FINE in calce all’ultima pagina del terzo libro”.

I Fuochi Danzanti – descrizione

Siamo nel regno di Thera, mondo magico e teatro di una sanguinosa lotta tra le forze del bene, capeggiate da Syrion contro Baalthus, il Signore Oscuro del male. Dopo mille anni da quegli scontri, nei dintorni della città di Zaphyra, divenuta nel frattempo una delle più ricche e pacifiche dei Sette Regni, sembrano aprirsi nuovi portali che minacciano il ritorno degli antichi demoni. Aloysius Limerick Medina, ultimo dei Grandi Maghi e creatore degli implacabili Fuochi Danzanti che proteggono i confini della città, viene chiamato dal re Leothard per fare luce sulle presenze oscure. Non sa che di lì a poco, lui stesso e il suo re cadranno vittime di un terribile incantesimo che li lascerà in uno stato di vita sospesa. Le sorti di Zaphyra e dell’intero regno di Thera dipenderanno, allora, esclusivamente dal coraggio dell’erede al trono, Elinor, dotata di un grande talento nella battaglia, e del Guardiano della Foresta dei Fuochi Danzanti, al quale verrà affidato il compito di accompagnarla in un viaggio nelle terre del male, alla ricerca della Chiave di Syrion, l’unica che potrà chiudere definitivamente il passaggio tra i due mondi e spezzare l’incantesimo.
Harald Milius, mite guardiano all’apparenza senza alcun potere, e una principessa dotata solo di un spada, si metteranno sulle tracce dell’infido Rufus, inviato dal Signore Oscuro per ordire l’inganno ai danni del re. Ciò che scopriranno sarà, in loro, una forza più potente di qualsiasi magia.

La Trilogia completa è disponibile su Amazon Kindle Store e Kindle Unlimited.

“I Fuochi Danzanti”, trilogia fantasy in adozione ultima modifica: 2017-12-12T20:42:11+00:00 da Sonia Lombardo
Share This!