Da dove si inizia a scrivere un libro? A volte hai una buona idea, ma non sai come tirarne fuori un’intera trama, o magari hai in mente chiara l’immagine del tuo personaggio, ma non è altrettanto chiaro in che direzione spingerlo, affinché la storia risulti coinvolgente.
Un metodo efficace per superare gli intoppi della creatività, con cui probabilmente vi troverete a fare i conti, è realizzare uno schema in cui raccogliere tutte le informazioni grezze che avete a disposizione, per modellarle poi in una narrazione vera e propria.

Le Canva vengono utilizzate dalle aziende per sviluppare nuovi modelli di business o strategie di marketing. In questo post ne propongo una che tornerà molto utile anche a voi scrittori, perché tiene conto, oltre dei vari elementi di una storia (ambientazioni, personaggi, trama) anche di due aspetti fondamentali per chi pubblica i propri libri online, ovvero, il pubblico a cui si rivolge e i formati per la distribuzione.

Ma partiamo dalle basi, perché senza una chiara idea della storia è difficile scegliere gli strumenti giusti per darle forma. Partiamo dalle informazioni:

5 W

Le 5 W del giornalismo anglosassone sono alla base di qualsiasi buona storia. Per procedere nella scrittura del nostro libro, infatti, dobbiamo rimanere focalizzati sull’essenziale: chi è il protagonista, cosa vuole, perché, quali sono i fattori che influiscono sulle sue scelte (il quando e il dove).

Audience

Se si desidera scrivere dei libri che tocchino le persone allora bisogna sapere anche chi si sta tentando di raggiungere. Chi sono i vostri lettori? Qual è il loro problema o desiderio più pressante? Da dove prendono le loro informazioni? Di chi si fidano?

Drama

Ecco, questo è un passaggio fondamentale, un punto di svolta per uno scrittore che vuole essere davvero considerato tale, perché è qui che bisogna fermarsi e chiedersi: quello che sto scrivendo interessa davvero a qualcuno? C’è un punto di contatto tra ciò che io sto raccontando e gli interessi di quello che ho individuato come il mio lettore ideale?
Bisogna stabilire, in pratica, le premesse drammatiche della storia, il conflitto che andrà a toccare sentimenti che consideriamo come universali. Provate a catturale in poche battute, una frase che sarà l’essenza della storia e da cui si dipanerà l’intera narrazione.

Format

Uno scrittore che si rispetti vive immerso nel proprio tempo, anzi mira a diventarne la voce principale, per tanto è suo compito chiedersi anche qual è il metodo migliore per creare e distribuire il proprio libro in modo che il pubblico possa trovarlo, leggerlo e soprattutto condividerlo. Come pensate di attirare l’attenzione sulla vostra storia? Che formato o design desterà maggiore interesse? Quali canali vi connetteranno al vostro pubblico?

Non dovete avere tutto chiaro fin dall’inizio, non c’è un ordine prestabilito da seguire per compilare i vari campi della Canva. Lo scopo, semmai, è proprio quello di individuare i possibili punti deboli sui cui andare a lavorare per portare a termine la storia. E se aveste bisogno di aiuto sapete dove trovarci

Qui, invece, potete scaricare lo schema integrale per iniziare a scrivere il vostro libro.

FONTE: journalismtools.io

Storytelling Canvas: lo schema da seguire per scrivere un libro ultima modifica: 2017-02-17T12:26:26+00:00 da Sonia Lombardo