Pubblicare un ebook su iTunes non è né facile né veloce, al contrario di quanto avviene su Amazon.
Apple pratica una politica monopolistica e obbliga chiunque a seguire le sue regole. Innanzitutto, si deve essere utenti di iTunes (e fin qui poco male), ma viene dato anche per scontato che si possegga un Mac, perché i programmi che permettono la creazione del testo in formato Epub (non standard) e del suo upload funzionano solo e soltanto su piattaforma Mac OSX.

In alternativa, esistono delle aziende convenzionate che possono fare il lavoro in vostra vece. È un’ipotesi da non scartare, ma che alla lunga impedisce di poter avere un controllo puntuale sul testo. Se ci si accorge di un refuso, per esempio, non si può correggere e ricaricare l’ebook su iTunes, ma bisogna rivolgersi di nuovo all’azienda che l’ha prodotto, la quale può avere tempi di risposta di settimane. Chiunque fosse invece armato di buona volontà, può investire nell’acquisto un Macbook usato e produrre i propri testi.

Il contratto

Apple distingue due tipologie di persone che vogliono pubblicare: gli editori, che vogliono chiaramente vendere le loro opere, e gli autori amatoriali, che le vogliono condividere gratuitamente. Nel secondo caso, basta seguire le indicazioni per la produzione del testo e, superate le forche caudine del controllo di qualità Apple, dopo qualche giorno si vedrà il proprio capolavoro apparire tra i libri gratuiti in iTunes.

Se invece si volesse vendere, le cose sono piuttosto diverse e decisamente più complicate. Il contratto come editore è molto più articolato e passa per lo scoglio che scoraggia praticamente tutti: Apple chiede come condizione necessaria il possesso di un numero di previdenza sociale americano (SSN). Bisogna chiederlo all’istituzione che li emette (dovete cercare SSN su Google), ma farlo dall’Italia è parecchio laborioso. Una volta ottenuto il codiceSSN, si devono inserire una serie di altre informazioni (coordinate bancarie et alia) e il contratto è stipulato. Per pubblicare, però, si deve obbligatoriamente avere un ISBN (al contrario di Amazon, dove non sono obbligatori) per ogni libro e non va bene quello eventualmente usato per l’edizione cartacea. Per acquistarli (minimo 10) si va su www.isbn.it si paga online e si attende la loro emissione. A questo punto il gioco è fatto, tramite gli strumenti che potrete scaricare sul sito Apple avrete tutto ciò che vi necessita per provvedere alla pubblicazione.

Perché autopubblicare con iTunes

A mio parere c’è una sola ragione, che si sintetizza nella parola “gratuito”. Poter regalare un romanzo tramite una piattaforma usata da centinaia di migliaia di utenti, vi dà una visibilità mostruosa. Se lo fate solo per farvi conoscere già è un’ottima cosa, ma se avete altri romanzi in vendita, l’effetto traino funziona davvero. Ad esempio, il romanzo “Phönix” è stato scaricato gratuitamente da quasi 30.000 persone in circa 5 mesi e il suo seguito “Nemesis” è stato acquistato da circa 1.100 lettori soddisfatti dal primo. È chiaro che molti di voi non vorranno “regalare” nulla, perché considerano (giustamente) il proprio romanzo come frutto del sudore della loro fronte, ma se si ha la possibilità di farlo la scelta è vincente.

Una possibile alternativa è quella di pubblicare nella sezione gratuita un estratto “corposo” del romanzo, rimandando all’edizione a pagamento chi volesse completarne la lettura, anche questo funziona. Ovviamente il romanzo deve essere di buona qualità, perché migliaia di persone che non ci conoscono hanno la possibilità di lasciare un feedback dopo averlo letto e se viene stroncato da tanti, è improbabile che i successivi lettori lo scarichino anche se è gratuito.

Riassumendo, sono necessari:

    1. SSN

    2. Computer Mac o contratto con azienda per la creazione dell’Epub

    3. ISBN

    4. Romanzi di buona qualità di cui almeno uno (ma non è strettamente necessario), da poter regalare.

Ringraziamo Stefano Lanciotti per il suo utile guest post e vi consigliamo, se interessati ad approfondire l’argomento, la lettura di “Self-publishing a Confronto” la guida ai migliori servizi per pubblicare un libro anche senza editore.

Tutto quello che serve per pubblicare su iTunes ultima modifica: 2012-05-09T18:51:28+00:00 da Sonia Lombardo