Il documento che vi propongo è stato redatto da due nostre conoscenze: il graphic designer Derek Murphy (ci ha insegnato come realizzare una copertina con MS Word, ricordate?) e il fondatore della piattaforma di self-publishing Smashwords Mark Coker.

In quanto osservatori privilegiati, attraverso il loro Indie Author Manifesto provano a tirare un po’ le somme di quelli che sono stati i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni in materia di self publishing. Secondo Cocker, infatti, si sta assistendo ad una transizione da un sistema editore-centrico ad uno autore-centrico.

indiemanifestoHeader

Mentre una volta self-publishing era visto come l’ultima opzione per gli scrittori falliti, oggi è sempre più visto come prima scelta per molti scrittori. Gli autori indipendenti hanno capito che il self-publishing fornisce il meccanismo attraverso il quale il vero potenziale di ogni scrittore può essere realizzato.

I critici dicono che sta causando uno tsunami che distruggerà la cultura del libro e renderà i migliori libri introvabili. Non è vero. Sì, il self-publishing permetterà ai libri più orribili mai scritti di essere pubblicati, ma consentirà anche ai migliori di essere più visibili.

Non è un’esagerazione descrivere la rivoluzione che gli autori indipendenti stanno mettendo in atto come un movimento culturale globale, che guida profondi cambiamenti nelle norme sociali, nei sistemi di credenze e nelle pratiche commerciali.

Con questo cambiamento radicale in mente, Coker tenta di descrivere il movimento e le sue motivazioni in forma di Manifesto, rispondendo ad una semplice domanda: che cosa significa essere un autore indipendente?

sw hand manifesto

  1. Io sono un autore indie.
  2. Ho sperimentato il piacere e la soddisfazione che deriva dal self-publishing.
  3. Ho il diritto di pubblicare.
  4. Il mio controllo creativo è importante per me. Decido quando, dove e come le mia scrittura può diventare un libro pubblicato.
  5. Indie non significa “da solo.”  Io scelgo i miei partner.
  6. Non sono asservito ad alcun editore. Nei miei rapporti di affari cerco partnership, imparzialità, equità e interessi reciprocamente allineati.
  7. Il termine “Indie Author” si riferisce a diversi tipi di scrittori, ma tutti unificati dallo scopo comune di avanzare, potenziare e celebrare gli scrittori ovunque.
  8. Io sono un professionista. Sono orgoglioso del mio lavoro, e mi sforzo di migliorare il mio mestiere per servire meglio i miei lettori, me, i miei colleghi e la cultura dei libri.
  9. La mia scrittura è preziosa ed importante. Il suo valore non può essere misurato con le sole vendite commerciali.
  10. Io celebro il successo dei miei colleghi scrittori perché il loro successo è mio e il mio è loro. Insieme stiamo sperimentando un futuro migliore per i libri, che si distingueranno per una maggiore qualità, creatività, diversità, scelta, disponibilità e accessibilità.

Liberamente tradotto da “Smashwords Indie Author Manifesto”.

Indie Author Manifesto: i 10 comandamenti degli autori autopubblicati ultima modifica: 2014-04-28T16:18:20+00:00 da Sonia Lombardo